Dalla Costa Azzurra alla Liguria, per vivai e giardini botanici dedicati alle piante grasse

Pallanca giardino esotico

La Liguria e la contigua Costa Azzurra francese sono una meta imprescindibile per tutti gli appassionati italiani di piante succulente e cactus. Se se ne ha la possibilità, un giro in queste zone, ai vivai e ai giardini botanici qui situati, è caldamente consigliato. Approfittando del week end di Pasqua sono tornato in Costa Azzurra e ho visitato un vivaio che conosco da anni: gli “stabilimenti” Kuentz.

Vivaio Kuentz Cactus
Una delle serre di Kuentz Cactus

L’azienda produce e vende piante grasse dal 1907 ed è stata avviata dal nonno dell’attuale titolare, Henri Kuentz. Una particolarità non da poco di questo vivaio sta nel fatto che tutte le piante in vendita, nessuna esclusa, sono prodotte da seme o da talea da Kuentz e dai suoi dipendenti. Qui non trovate piante importate, fatte crescere e messe in vendita, ma esclusivamente esemplari ottenuti da semina o da talea regolarmente cartellinati, classificati e coltivati nel terriccio della “maison”.

Il vivaio si trova alle porte della cittadina di Frejus, poco dopo Cannes e a pochi chilometri dal mare, in un’area climatica tra le più adatte in tutta Europa alla coltivazione di succulente, tanto per le temperature quanto per le ore di luce annuali. Non a caso, dalla Riviera ligure fino a tutta la Costa Azzurra è un susseguirsi continuo di vivai e giardini botanici (consigliatissimo è il Giardino Esotico di Monaco, nell’omonimo principato, interamente dedicato alle succulente).

Gli stabilimenti Kuentz sono cresciuti notevolmente nel corso degli anni, da quando l’attività era concepita per la vendita a fioristi e a pochi appassionati. Oggi Kuentz è un’importante realtà nel mondo delle succulente e spedisce in tutta Europa. Da qualche anno, inoltre, il vivaio è stato ampliato e nuove e moderne strutture stanno sostituendo le antiche serre a vetro dei primi del Novecento, nelle quali si è svolta l’attività per quasi un secolo.

Vivaio Kuentz Cactus
La zona “nursery”

Il vivaio è aperto dal martedì al sabato e accoglie i visitatori con un comodo parcheggio che conduce alle nuove serre, completamente automatizzate, spaziose e molto alte. Il corpo centrale è riservato alle piante in vendita, suddivise per famiglie: cactacee, succulente in generale, euphorbie, agavi, aloe. Gli esemplari in vendita sono disposti sui bancali e suddivisi in ordine alfabetico: risulta quindi molto semplice orientarsi se si sta cercando qualche genere particolare.

Se visitate la struttura, non fermatevi a quest’area, però: è sufficiente chiedere al titolare o ai commessi per poter accedere ai bancali posti dietro la zona di confezionamento dei pacchi, dove troverete moltissime altre succulente in vendita, molte delle quali ancora nei contenitori di polistirolo da semina. Su richiesta, anche queste possono essere vendute e verranno prelevate direttamente dalla cassetta per essere invasate. In questo modo è possibile scegliere proprio quell’esemplare piuttosto che un altro. 

Le piante in vendita, in particolare le cactacee, sono tutte di piccole o medie dimensioni (si parte da vasi da 5 centimetri), proprio perché prodotte con semi ottenuti direttamente da Kuentz attraverso impollinazione di piante madri. A mio avviso si tratta di un notevole valore aggiunto, che porta ad avere piante di qualità, correttamente coltivate, “pure” e non ibridate. Anche per questo motivo di anno in anno l’offerta può variare sensibilmente e se un anno troverete una determinata specie può essere che l’anno successivo quella pianta non sia in catalogo, oppure sia ancora troppo piccola per essere venduta. Anche questo è indice di serietà, per come la vedo io: il vivaio offre esclusivamente le piante che produce direttamente e non esemplari acquistati altrove. Senza dimenticare che qui trovate anche accessori come vasi, seminiere, libri, prodotti fitosanitari e terriccio specifico confezionato dalla “maison“.

Vivaio Kuentz Cactus
Alcuni cereus

Molto consigliata è la visita alle serre di produzione e a quelle riservate ai “grossi esemplari”. Queste serre sono separate dalla struttura principale e contengono piante rustiche (come Echinopsis e Trichocereus), oppure esemplari di grandi dimensioni di cactacee come Echinocactus, Ferocactus, Astrophytum, Opuntie, poi di succulente come Euphorbie, Agavi, Aloe. Altrettanto consigliata è la visita alla collezione privata di Kuentz, con alcuni esemplari ereditati dal nonno, molti dei quali coltivati in piena terra nell’area antistante la casa – una bellissima struttura tipicamente provenzale – e le vecchie serre in muratura, acciaio e vetro. Qui potrete osservare cereus alti sei o sette metri, Echinocactus grusonii di oltre 80 anni, OpuntieFerocactus, Mammillaria, esemplari di Agavi e Aloe enormi. Uno spettacolo unico per gli appassionati!

Qui altre informazioni sul vivaio Kuentz e una panoramica su altri vivai specializzati in succulente.

Pallanca giardino esotico
Una delle terrazze del giardino di Pallanca

Al rientro dalla Costa Azzurra ho colto l’occasione per visitare ancora una volta un giardino botanico piccolo ma molto interessante: il Giardino Esotico di Pallanca, a Bordighera, poco prima di Sanremo e poco oltre il confine con la Francia. Certo, il Giardino Esotico di Montecarlo è decisamente più grande e ricco, ma anche a Bordighera c’è di che appagare gli occhi. Il giardino di Pallanca (ingresso 6 euro) si snoda lungo una collina esposta a sud, in faccia al mare: si procede dal basso verso l’alto lungo un camminamento interrotto da terrazze e serre di coltivazione. Lungo il camminamento e su tutte le terrazze, cactacee e succulente di tutti i tipi, dai cactus messicani alle Euphorbie, fino alle succulente africane. Si possono osservare enormi cereus e giganteschi grusonii, poi aeonium, echeverie, caudiciformi, aloe, agavi, mesembriantemi, piante rare e piante comuni perfettamente ambientate e collocate armoniosamente a dar vita ad un piacevole percorso in grado di far dimenticare la fatica della scarpinata in salita.

Qui di seguito ecco alcune foto scattate durante la visita alle serre di Kuentz e al Giardino di Pallanca.

Kuentz Cactus

Questo slideshow richiede JavaScript.

Giardino esotico Pallanca

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un commento su “Dalla Costa Azzurra alla Liguria, per vivai e giardini botanici dedicati alle piante grasse”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *