«Una pianta coltivata ‘Wild’ mi racconta storie su mondi lontani e mi trasmette emozioni vere»

Ariocarpus retusus

Bolognese, cinquantadue anni e una passione sincera per le succulente, oltre che per tutto ciò che è Natura, nata in tenera età. In questa intervista, Andrea Cattabriga – che ho il privilegio di conoscere di persona – si apre mostrando una sensibilità e una profondità di pensiero davvero speciali (e non solo riguardo ai temi relativi a questa nostra nicchia…). Non per niente, Cattabriga è considerato uno dei massimi esperti in cactaceae e succulente in Italia.

L’intervista che segue è un punto fermo nell’esposizione del concetto di coltivazione wild, una lettura imprescindibile per chiunque voglia conoscere meglio cactacee e succulente e, soprattutto, voglia andare oltre alla normale coltivazione di queste piante, cercando invece di ottenere il massimo, sia in fatto di resa estetica che di robustezza e salute degli esemplari.

Se vuoi proseguire nella lettura dell'articolo Accedi o Registrati
0 0 voto
Voto
Iscriviti ai commenti
Notificami
3 Commenti
Più vecchi
Più nuovi Più votati
Feedback inline
Vedi tutti i commenti
Alberto

Il commento è visibile solo agli utenti registrati

Antonino

Il commento è visibile solo agli utenti registrati