Cactus e rinvasi: il classico mix pomice, lapillo, torba (poca) per velocizzare la crescita

Ferocactus latispinus

In genere comincio i rinvasi da metà dicembre in avanti, per terminare entro i primi mesi del nuovo anno. Quest’anno, considerato il numero di piante da mia semina che necessitano di un rinvaso (gli “esuberi” che ogni tanto cedo ad amici o conoscenti), ho cominciato con largo anticipo.

Nonostante le temperature ancora alte per il periodo, infatti, le piante sono già in stasi e si può procedere senza problemi. Il periodo del rinvaso è uno degli argomenti più dibattuti, insieme alla composizione dei terricci di coltivazione: c’è chi travasa solo piante in vegetazione, chi solo in primavera, chi durante l’inverno e chi travasa in qualsiasi periodo dell’anno.

Diciamo che non c’è una regola fissa: io stesso, nel corso degli anni, ho rinvasato praticamente in tutte le stagioni, a seconda delle esigenze, e non ho mai riscontrato problemi. L’importante è attenersi a quell’unico accorgimento davvero utile che è quello di evitare di annaffiare subito dopo il rinvaso. Occorre dare alle radici danneggiate o tagliate durante il rinvaso il tempo di cicatrizzare in terriccio asciutto, così da evitare il rischio che possano innescarsi marciumi.

Il resto è questione di scelte. Personalmente preferisco cambiare terra alle piante durante la stagione invernale, o comunque quando i cactus e le succulente sono in stasi vegetativa, ad esempio appena prima della primavera, così che tra il rinvaso e la prima annaffiatura intercorrano diverse settimane. Da anni seguo questa “regola” e non ho mai avuto problemi. Certo, può capitare che qualche pianta faccia fatica a ripartire dopo un rinvaso, al punto da restare bloccata anche per un anno intero, ma questo può succedere rinvasando in qualsiasi periodo. Non dimentichiamo che per le piante il rinvaso è in ogni caso uno “stress” non da poco. Anche per questo prediligo l’inverno, quando le cactacee sono a riposo e gli effetti del rinvaso sono meno “traumatici”.

Approfondiamo il tema dei rinvasi e dei substrati per cactus nell’articolo che segue.

Se vuoi proseguire nella lettura dell'articolo Accedi o Registrati
0 0 voto
Voto
Iscriviti ai commenti
Notificami
19 Commenti
Più vecchi
Più nuovi Più votati
Feedback inline
Vedi tutti i commenti
Gymno60

Il commento è visibile solo agli utenti registrati

Matteo Di Mario

Il commento è visibile solo agli utenti registrati

Gabriele

Il commento è visibile solo agli utenti registrati

Gabriele

Il commento è visibile solo agli utenti registrati

Gabriele

Il commento è visibile solo agli utenti registrati

Gian Franco

Il commento è visibile solo agli utenti registrati

Gian Franco

Il commento è visibile solo agli utenti registrati

Federico Boccoli

Il commento è visibile solo agli utenti registrati

Federico Boccoli

Il commento è visibile solo agli utenti registrati

GianFranco

Il commento è visibile solo agli utenti registrati