Quando il cactus “esplode” per la troppa acqua: come evitare le spaccature sul fusto

Copiapoa cinerea con spaccature sul fusto

Le piante succulente, e le cactacee in particolare, si sono evolute per accumulare riserve idriche e riuscire così ad affrontare lunghi periodi di siccità. Nei loro habitat naturali, i cactus sono soggetti a forti sbalzi di temperatura tra la notte e il giorno, ma anche ad un’alternanza tra periodi di totale siccità e periodi di grande disponibilità di acqua.

Nelle regioni subdesertiche degli Stati Uniti meridionali (California, Arizona, Texas, Nevada, ecc.), così come in Messico, nell’America centrale e nell’America latina (Cile e Argentina, ad esempio), durante la stagione vegetativa, corrispondente di fatto alla primavera e all’estate, le giornate calde e secche sono spesso interrotte bruscamente da violenti acquazzoni.

Se vuoi proseguire nella lettura dell'articolo Accedi o Registrati
0 0 voto
Voto
Iscriviti ai commenti
Notificami
1 Commento
Più vecchi
Più nuovi Più votati
Feedback inline
Vedi tutti i commenti
Elisabetta Di Felice

Il commento è visibile solo agli utenti registrati