Arte e Natura: un connubio al quale non sfuggono i cactus, soprattutto… in Cina!

Piante e disegni di Su Xu

Natura e Arte rappresentano, storicamente, un connubio primario, fondamentale. Sono, a mio avviso, le due facce più belle di quell’unica medaglia che è la vita stessa. Forse è anche per questo che la sorpresa che ho ricevuto sabato mattina mi ha particolarmente e piacevolmente colpito. E’ capitato infatti che nella casella dei messaggi privati della pagina Facebook de Il fiore tra le spine, io abbia trovato, del tutto inaspettatamente, alcune immagini inviate da un appassionato di succulente di origini cinesi, che evidentemente segue la pagina stessa, o forse proprio questo sito… 

Copiapoa, disegno di Su Xu
Copiapoa, disegno di Su Xu

Ebbene, le immagini che Su Xu – questo il nome del mittente del messaggio – mi ha inviato sono due splendidi disegni che ritraggono un Gymnocalycim cardenasianim v. armatum e una Copiapoa cinerea appartenente alla mia collezione, una cui foto io stesso ho pubblicato tempo fa su questo sito così come sui social ad esso collegati: Facebook e Instagram. Insomma, dalla foto originale della mia Copiapoa, Su Xu ha poi realizzato il suo bellissimo disegno a mano.

Incuriosito, ho risposto al messaggio chiedendo qualche informazione e ho così appreso che Su Xu (l’equivalente occidentale del suo nome, che compare con l’ideogramma 苏旭  sul suo profilo) è un 35enne di origini cinesi, collezionista di cactus e disegnatore, principalmente di ritratti. Di poche parole e probabilmente schivo di carattere, Su Xu mi ha concesso volentieri di pubblicare questo breve articolo a corredo di alcuni suoi lavori, inviandomi (su mia richiesta) anche altre immagini, compresa quella di copertina, che mostra una parte della sua collezione (a proposito, complimenti per le piante!) con i due disegni sullo sfondo. Dalla foto vedo che abbiamo in comune la passione per le piante con forti spine, in particolare per varie specie di Gymnocalycium, ma anche per Ferocactus ed Echinocactus.

Ho molto apprezzato questo suo inatteso regalo e ho creduto fosse una bella cosa condividerlo su questa pagina, anche per mostrare quanto una comune passione possa avvicinare e far dialogare, anche sulla scorta di semplici suggestioni, mondi così diversi e geograficamente distanti come l’Occidente e l’Oriente (in particolare, proprio in questo preciso momento storico, la Cina).

Gymnocalycium, disegno di Su Xu
Gymnocalycium, disegno di Su Xu

Senza contare che ho sempre apprezzato moltissimo la rappresentazione della Natura e delle sue manifestazioni, anche e soprattutto dal punto di vista della simbologia, nell’Arte. In qualsiasi forma di Arte, sia essa la pittura, la scultura, la letteratura, la musica… Ecco, credo che questi disegni rappresentino indubbiamente un’espressione artistica importante, anche come testimonianza culturale. Perché anche il modo di vedere e rappresentare queste nostre amate piante, il modo di coltivarle e disporle (come si può apprezzare anche nella foto della collezione di Su Xu) è, in certo modo, espressione del nostro personale approccio culturale alla vita.

Un grazie a Su Xu per l’apprezzato regalo e grazie anche per seguire questa pagina!

© I testi, i video, le foto e le elaborazioni grafiche del sito “Il fiore tra le spine” costituiscono materiale originale e sono coperti da diritto d’autore. Ne è vietata la riproduzione con qualsiasi modalità.

Se ti è piaciuto l’articolo e vuoi sostenere il sito, clicca qui per avere maggiori informazioni!

0 0 voto
Voto
Iscriviti ai commenti
Notificami
3 Commenti
Più vecchi
Più nuovi Più votati
Feedback inline
Vedi tutti i commenti
liponeofita

Vedo che finalmente riesco a scrivere qualche commento. Mi chiamo Ruggero e vivo a Torino, da un paio di mesi sono stato colto da un episodio ipomaniacale che mi ha indotto ad interessarmi oltre che di bonsai anche di piante grasse. Il mio balcone a nord è pieno di bonsai e quello a sud si sta lentamente popolando di varietà di grasse che tipicamente interessano i collezionisti più consumati come Ariocarpus e soprattutto Astrophytum. Il mio commento in questa sede non dovrebbe essere inappropriato perchè ho notato che il nostro amico di origine cinese non ha trascurato la ricerca di… Leggi il resto »

liponeofita

Disporre di un vaso leggermente più capiente magari ben fatto consente anche di dare un minimo di spazio per il contorno del cactus che si vuole valorizzare. Se tra la pianta e il bordo del vaso c’è un po’ di spazio sembrerà inevitabilmente più evidente che esiste una sorta di territorio che si potrà arredare con materiali raffinati che richiamano gli ambienti desertici a cui appartiene la pianta. Ovviamente non si potrà comprare un vaso enorme pena il marciume radicale. Ma chi è sensibile alla bellezza che deriva dal connubio tra vaso e pianta troverà sicuramente un compromesso.

liponeofita

Essendo io alle prime armi, chiederei un aiuto a chi ne sa più di me sul problema della ricerca di vasi non troppo costosi, possibilmente non di plastica e con tinte e tonalità spente come il gres naturale grigio o rossastro o al limite il bianco panna smaltato. Personalmente sconsiglio l’associazione di vasi smaltati e colorati. Io stesso sono stato colto dalla tentazione di comprare vasi smaltati e colorati che ho poi visto fare a pugni con i cactus. Parlando dello spazio tra cactus e bordo del vaso, è ovvio che non ci si possa sbizzarrire come con i bonsai.… Leggi il resto »