Mammillaria luethyi, l’incredibile storia della sua scoperta e tutti i consigli per coltivarla

Mammillaria luethyi

A differenza di quanto avviene di regola con le cactacee, Mammillaria luethyi fu osservata per la prima volta da un ricercatore non in habitat bensì in un… barattolo da caffè. Strano? Aspettate di leggere la storia per intero, allora. Sì, perché la scoperta di questa specie di Mammillaria è relativamente recente (metà anni Cinquanta del Novecento) e ancora oggi non la si può certamente definire una pianta diffusa in coltivazione o facilmente reperibile sul mercato.

Eppure, tra le Mammillaria, è una delle specie più affascinanti in assoluto, una tra le più intriganti e senza dubbio quella con la fioritura più appariscente e al tempo stesso delicata e ammaliante. A far da contraltare a questi pregi ci sono le difficoltà di coltivazione e la propensione al marciume radicale, e sono probabilmente questi elementi, oltre alla lentezza nella crescita, a confinare la luethyi in quell’angolo in cui solo i veri appassionati e i cactofili esperti sono in grado di muoversi (e non sempre con facilità).

Conosciamo meglio questa spettacolare specie di Mammillaria e vediamo come è possibile riuscire a coltivarla con successo, con un minimo di esperienza e i corretti accorgimenti, che cercherò di riassumere, come sempre sulla base della mia esperienza diretta, nell’articolo che segue. (…)

Per proseguire nella lettura dell'articolo Accedi o Registrati

5 1 voto
Voto
Iscriviti ai commenti
Notificami
8 Commenti
Più vecchi
Più nuovi Più votati
Feedback inline
Vedi tutti i commenti
WonderDonnie

Il commento è visibile solo agli utenti registrati

Inge74

Il commento è visibile solo agli utenti registrati

Pinciano

Il commento è visibile solo agli utenti registrati

Claudio

Il commento è visibile solo agli utenti registrati