L.-in-fiore

l.

Crescono bene in composte semplici, con terra di campo e pomice, ghiaia di fiume e un 10% di torba. In marna al 50% crescono molto lentamente rispetto agli altri ma tengono bene la forma restando basse. Sono piante robuste, con radice a fittone e buona tollerabilità al freddo (hanno retto anche gelate a -7, ovviamente con terriccio ben asciutto).

3 pensieri riguardo “L.-in-fiore”

  1. la mia loph in terra di campo e perlite non fa progressi…. mi è stato detto da chi mi ha venduto la pianta di non concimare è giusto? stesso discorso per il pseudolitops, è giusto non concimare? può essere questa la causa della stasi? ed ancora il terreno è molto duro al tatto devo aggiungere un po di torba o terra per cactus? grazie in anticipo se mi vorrà rispondere,
    Cinzia

    1. Ciao, quando una pianta smette di vegetare per lungo tempo ho imparato che è buona cosa svasare, controllare le radici e cambiare terriccio. La fertilizzazione, per i cactus, è utile come per tutte le piante perché in vaso il terriccio perde gli elementi nutritivi, quindi o si rinvasa spesso oppure ogni tanto è bene fertilizzare (con concime specifico e in basse dosi). Se cerchi nel sito (lente d’ingrandimento in altro a destra) trovi un articolo specifico sulla fertilizzazione.

  2. Personalmente ho potuto constatare su questo genere di piante che se non ricevono un adeguato nutrimento con il tempo la superficie tende a suberificarsi. Quindi o si rinvasa spesso sostituendo il substrato “consumato” con uno nuovo oppure si concima, resta beninteso che concimare non vuol dire far assumere forme innaturali “troppo gonfiate”. Le piante in natura hanno a disposizione nutrimento in giusta quantità, ma le nostre sono in vaso e quindi non hanno la possibilità di estendere le proprie radici per cercare loro quello che manca. Concludendo concimare si, ma con moderazione ed il concime corretto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *